La lingua malata. Linguaggio e violenza nella filosofia contemporanea

La lingua malata. Linguaggio e violenza nella filosofia contemporanea

Come ogni altro essere vivente, anche la lingua si può ammalare.

La lingua malata perde la sua brillantezza, la leggerezza dell'ironia e dell'umorismo, non è più uno strumento di comunicazione, ma si trasforma, diventa aggressiva, violenta e razzista, propaganda l'odio. In questo volume si fa una diagnosi impietosa della malattia che in questo secolo ha colpito il linguaggio e lo ha sfruttato come un mezzo per sobillare le masse, per persuadere i popoli alla guerra e al razzismo. Filosofia, ermeneutica, psicoanalisi e mistica del linguaggio si intrecciano e si richiamano a vicenda nel corso dell'analisi di figure centrali della cultura europea come Walter Benjamin, Sigmund Freud, Martin Heidegger e George Steiner.