Lampi al magnesio. Quindici racconti

Lampi al magnesio. Quindici racconti

"Racconti intimi, crepuscolari, scritti dentro un bar o dopo una lunga passeggiata in cui qualcuno o qualche cosa ha catturato l'attenzione. Personaggi reali o immaginari, donne indecifrabili, misteriose presenze viste o solo immaginate che svaniscono al tramonto, escono dall'anonimato quotidiano e vengono osservati con un sguardo privo di pregiudizi, e rappresentati nella semplicità dei comuni mortali che tuttavia diventano centrali all'interno di ogni racconto. Ogni racconto viaggia per la propria strada alternando emozioni e sensazioni contrastanti, in certi casi inusitate; come quando un'amicizia perduta nel tempo e mantenuta viva solo dal ricordo per un istante sembra ritrovarsi e dopo invece sfugge dalle mani. È il disagio della speranza perduta di un mondo giusto, solidale, lo scetticismo che giorno dopo giorno si va impossessando dell'anima di chi, ad esempio, trova solo la forza per sopravvivere e protesta dall'alto di una gru per avere perso il suo lavoro. Proposta estrema di liberazione umana, rappresentazione del divario fra la libertà e l'alienazione quotidiana. Accompagnano questi racconti i disegni dell'autore, come se avesse avvertito la necessità di integrare la narrazione scritta con le immagini. Sono opere sconosciute che come i racconti invitano il lettore ad introdursi dentro storie di vita anonime ma a loro modo significative, come quelle in cui possiamo imbatterci in un qualunque giorno passeggiando per le nostre strade." (Cristobal Munoz)